RSS

Archivi tag: autunno

Cose belle della settimana – 14-19/ott

Sperimentiamo una nuova forma di “cose belle del giorno”! La rubrica settimanale.


Lun 14
Oggi quasi nulla è andato per il verso giusto, quindi… Il micione che si viene a sdraiare nel letto con me a fine giornata.

Mar 15
Sedersi a scrivere perché si ha voglia di scrivere e vedere le idee che nascono sotto i tasti.

Mer 16
Andare al lavoro con il sole che sorge nella nebbia come una grossa palla arancione e al ritorno a casa Venere che brilla sul Monviso.

Gio 17
In una mattina che si preannunciava densa di noiose telefonate, un problema urgente mi catapulta fuori ufficio fra i colori dell’autunno e un sole caldo caldo.

Ven 18
Mettersi d’accordo con un’amica per andare a sentire un concerto e poi concludere che siamo entrambi troppo stanchi.

Sab 19
Serata di cinema con qualche amico e conclusione con birra al pub: la semplicità delle piccole cose.

Alla prossima settimana!

Annunci
 
4 commenti

Pubblicato da su 20 ottobre 2013 in La cosa bella di oggi

 

Tag: , , , , , , , ,

Autunno /2

La cosa bella di oggi: diversi stormi in formazione che migrano verso sud.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 24 ottobre 2012 in La cosa bella di oggi

 

Tag: , , ,

Simil-autunno

Oggi era giornata di foto, il freddo per fortuna non si è ancora fatto vedere e allora andiamocene in giro…

Quanto mi piacciono queste foglie, che invece di ingiallire diventano rosse!

Questa non è particolarmente autunnale, ma per una volta ho voluto fare la foto che tutti avrebbero fatto 🙂

 
6 commenti

Pubblicato da su 21 ottobre 2012 in Foto

 

Tag: ,

Autunno

A tutti quelli che ci piace l’autunno e odiano la grammatica 🙂

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16 ottobre 2012 in Foto

 

Tag: , , , , ,

Metafora

Probabilmente gli integratori che sto prendendo hanno la coca invece delle vitamine, non lo so. Sta di fatto che arrivo a casa e non crollo sul letto o sul divano. Metto a posto la spesa e rifletto. Mica su cosa preparare per cena (e ne avrei ben donde, dato che per una volta il frigo si sente utile in tutti i suoi ripiani). No, no, proprio le riflessioni serie che normalmente ti assalgono dopo un paio di giri di margarita. Su di me, su quello che mi sta intorno, sul passato e sull’immediato futuro. E metafore come se piovesse.

Mi piace riflettere per metafore, è un modo per semplificare, per mettersi su un altro piano e provare a capire le cose. A volte vengono fuori anche delle belle barzellette, ma ogni tanto si capisce qualcosa.

Fra le metafore che preferisco ci sono quelle automobilistiche. A volte le uso anche quando devo spiegare faccende di lavoro ai clienti non-geek. Sarà perché più o meno tutti sanno come funziona una macchina (per lo meno adesso che non c’è più lo spinterogeno), ma trovo che sia un buon terreno per capirsi. Differenza fra hardware e software? L’hardware è la carrozzeria, il software è il codice della strada! Differenti hardware sono progettati per software diversi (=qualcuno guida a sinistra). Facile, no? Ok, la smetto.

Riflessione numero uno.

Proprio come le auto, ogni tanto c’è bisogno di accostare. Si dà una pulita al vetro davanti, una spolverata ai fanali e ci si guarda intorno. Nel frattempo il motore si raffredda e si può dare una controllata all’olio (lo guardate l’olio ogni tanto, vero???). Da questo punto di vista forse l’autunno aiuta un po’. Il ritmo rallenta e si sta un po’ più in casa garage. Per me l’olio sono gli amici. Si può stare senza una compagna o un compagno, per quanto sia pesante e duro e insopportabile a volte. Ma a pensare di stare senza amici mi avvizzisce il cuore. E proprio come con l’auto, quando ti accorgi che manca l’olio qualche danno l’hai già fatto. Guai a me se mi permetto ancora di allontanarmi dalle persone che mi vogliono bene.

Riflessione numero due.

Dovrei smetterla di pensare come se fossi in una pubblicità di un’auto. Strada vuota, in mezzo ai prati inondati di sole. Stare coi piedi pneumatici per terra, bisogna. Che la strada è asfaltata a volte, ma ci sono le buche ed il ghiaccio. E guardare troppo lontano non va mai bene, perché prima della destinazione bisogna passare per le tappe giuste.

Riflessione numero tre.

Sempre riguardo al passato che ritorna, lei non mi manca. Mi manca molto di più il me stesso che ero e che lei mi faceva essere. Decisamente mi piacevo di più e mi volevo più bene. Pericoloso vivere lasciando la propria felicità a dipendere da un’altra persona. Dite che non c’entra con l’auto? Me ne rendo conto, ma questa probabilmente è venuta su gratis coi bollini del benzinaio.

Uh. Su quest’ultimo punto ci sono dei versi che ci stanno una bellezza.

…now those memories come back to haunt me
they haunt me like a curse
Is a dream a lie when it don’t come true,
or is it something worse..

Sentitevela tutta se volete, qui (ma è tosta, vi avverto…)

 
2 commenti

Pubblicato da su 17 settembre 2012 in A casa, Riflessioni

 

Tag: , , , , , , ,