RSS

Archivi categoria: Musica

Video

A volte hai delle lacrime che non escono

Ecco, io non lo sapevo, che avevo delle lacrime da far uscire. Se ne stavano lì da qualche parte, comode comode come un gatto sotto una siepe, e non sarebbero uscite mai.
Ed invece questo brano ha fatto l’effetto della scatola di croccantini tirata fuori dal mobile basso della cucina.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 17 giugno 2013 in A casa, Musica, Riflessioni, Su di me

 

Tag: , ,

Spotify!

spotfyOnore a Spotify, che ha una beta release anche per Linux.

 
2 commenti

Pubblicato da su 5 marzo 2013 in Musica

 

Tag: ,

Love Love Love

Il gruppo è islandese e la cantante si chiama Nanna: va da se che la canzone non può che essere fantastica, soprattutto nel testo.

Of Monsters and Men – Love Love Love


Well, maybe I’m a crook
for stealing your heart away
yeah. maybe I’m a crook
for not caring for it
Yeah, maybe I’m a
bad, bad, bad… bad person
Well, baby I know

And these fingertips
Will never run through your skin
And those bright blue eyes
Can only meet mine across a room
Filled with people that are
less important than you

All ‘cause you love, love, love
When you know I can’t love
you love, love, love
When you know I can’t love
you love, love, love
When you know I can’t love you

So I think it’s best
We both forget
Before we dwell on it

The way you held me so tight
All through the night
‘Til it was near morning

‘Cause you love, love, love
When you know I can’t love
you love, love, love
When you know I can’t love
you love, love, love
When you know I can’t love you

All ‘cause you love, love, love
When you know I can’t love
you love, love, love
When you know I can’t love
you love, love, love
When you know I can’t love you

 
5 commenti

Pubblicato da su 28 ottobre 2012 in Musica

 

Il pesce stupido che canta


Ho trovato questa immagine nel popolare social network a cui forse anche voi siete iscritti e mi è molto piaciuta, sia per la grafica, sia per il messaggio. Siccome di tanto in tanto mi capita di sentirmi un po’ impedito, inadeguato ed incapace, non sarà che cerco di fare il pesce quando in realtà sono un anatroccolo?

L’altra cosa che mi è molto piaciuta di recente è il festival internazionale Europa Cantat, eccone il logo

Si tratta di una manifestazione musicale di coristi, si svolge ogni tre anni e questa è la prima edizione tenuta in Italia. Il punto di ritrovo serale era il palco di piazza San Carlo. Ci sono stato un paio di volte questa settimana, compreso ieri sera per era l’ultima serata. E’ sempre magnifico respirare l’aria internazionale che invade la città in queste occasioni. Gente per strada con le cartine, camerieri che diventano bilingue, insomma sembra un altro mondo.

E non è per inutile esterofilia. E’ proprio per il piacere di vedere le culture che si incontrano. Certo, il Coro Nazionale Maschile dell’Estonia non sarà mai il primo dei miei pensieri pensando a quella nazione 🙂 ma, che diamine… è come far ascoltare il coro degli Alpini ad un brasiliano: non è che puoi pretendere che gli piaccia.

Ma il fatto di avere in comune un gesto molto semplice come il cantare unisce le persone e genera rispetto. Dovrebbe bastare il fatto che siamo persone, ma non siamo tutti Gandhi.

Poi nella folla della piazza pensavo… Pensavo al fatto che la musica mi è sempre piaciuta molto sia suonata che cantata, ma nella mia vita non l’ho mai fatta entrare in altro modo se non dalle orecchie. Ora non pensate a cose strane: mi riferisco solo al fatto che non ho mai pensato seriamente a fare musica, invece che limitarmi ad ascoltarla. Chissà se un coro potrebbe fare al caso mio? L’idea mi piace, penso che proverò a fare il pesce nel coro.

 
2 commenti

Pubblicato da su 5 agosto 2012 in Musica, Riflessioni

 

Tag: , , , , ,

Video

When You Kiss Me

“You took the weight of the world off my shoulders”

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 9 giugno 2012 in Musica

 

Tag:

Ho dato fuoco alla pioggia

Complice il corso d’inglese con le sue attività ludiche annesse, ho avuto modo di imbattermi in Adele.

Per quanto ho visto il repertorio è abbastanza monotematico e sul tristanzuolo andante, ma ha una voce che, come si dice, spacca. Ma ecco un assaggio:

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 21 aprile 2012 in Musica

 

Tag: