RSS

GLBT Film Festival

26 Apr

Siccome a Torino non manca nulla (a parte il mare), la scorsa settimana c’è stato il GLBT Film Festival.

L’amica C faceva la volontaria come personale di sala e dopo avermi tessuto le lodi di quasi tutti i film che aveva visto siamo andati a vedere la replica del film vincitore, che è questo qui:

boven

Un film olandese, sottotitoli in inglese ed italiano. Lentissimo ma soprattutto incomprensibile! L’amica C non lo aveva visto in settimana, per fortuna sua perché due volte sarebbero state decisamente troppe. Evitatelo se potete, anche se non credo verrà distribuito al cinema. Ma non era comunque del film che volevo parlare.

Dato il tema della manifestazione, davanti al cinema si poteva ad assistere al passeggio di gente varia (comprese due drag queen direi monumentali). Nell’attesa dell’amica C cercavo di osservare le persone e sono stato colpito da due ragazze che si tenevano per mano.

Colpito, non perché il gesto sia fuori della norma, ma proprio per il contrario. Mi spiego meglio. Quando mi capita di andare in giro per la città, non è così frequente vedere due persone delle stesso sesso tenersi per mano. Perché? Dopotutto immagino che siano un discreto numero (non ho idea di quale percentuale della popolazione sia in media omosessuale) e pensare che queste persone non si sentano libere di passeggiare tenendosi per mano mi ha messo addosso un po’ di tristezza.

Ma perché siamo stati cresciuti con questo tipo di condizionamenti? Perché un simile gesto dev’essere notato per quanto è infrequente? Dovrebbe essere normale poter esprimere il proprio amore in pubblico ed invece nel caso degli omosessuali sembra sempre che l’attenzione vada a cadere su cosa succede sotto alle lenzuola.

Ma io quando incontro un ragazzo e una ragazza mica vado a pensare se/come/quando/dove fanno sesso… Mi rallegro della loro compagnia, posso notare se vanno d’accordo o meno, ma il resto non mi interessa. Ed invece sembra che l’argomento sesso assuma un’importanza diversa se la coppia non è etero.

Davvero l’umanità ha ancora tanta strada da fare. Ed uno dei passi necessari mi sembra sia quello di riconoscere che la famiglia è fondata sull’amore di due persone. Punto. Senza aggiungere altro, senza specificare uomo, donna, marito, moglie, amante, compagno o compagna.

 

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 26 aprile 2013 in Film, Riflessioni

 

Tag: , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: