RSS

La migliore offerta

28 Gen
(clic per la scheda IMDb)

(clic per la scheda IMDb)

Visto! (si, è stato un week-end intenso)

Non vorrei farmi prendere dall’entusiasmo, ma complimentissimi a Tornatore che dirige e scrive questo film. Un vero capolavoro, curato nei dettagli come raramente accade di vedere. Cosa c’è da sapere prima? È un thriller drammatico, drammaticissimo direi. Praticamente da disperazione. Non so se si capisce che non c’è il lieto fine.

Però anche qui, il colpo di scena finale costringe lo spettatore a rivedersi mentalmente tutto il film e riguardare tutto da un punto di vista diverso.

Anche in questo caso mi sono portato a casa un pensiero. Ma per spiegarlo bisogna fare riferimento alla trama, per cui se ancora non l’avete visto e non volete guastarvi la sorpresa non leggete oltre.

Dicevamo…

Il protagonista, Mr. Oldman, è vittima di un inganno. Sfruttando la sua fobia del contatto con le altre persone ed i suoi problemi nei rapporti con le donne viene atrocemente raggirato da coloro che dovrebbero essere suoi amici.

Tornando a casa mi sono chiesto: è davvero solo una vittima della cattiveria e dell’avidità altrui? Siamo proprio sicuri che non ha nessuna responsabilità? E la mia risposta, con un po’ di sorpresa, è stata che dopotutto si tratta anche di una sua responsabilità. Perché la decisione di convivere con il suo problema, di lasciare trascorrere la maggior parte della sua vita e ritrovarsi alla soglia della pensione in qualche modo menomato della sfera affettiva, è soltanto sua. Lui è responsabile di questa decisione e la vita gli presenta crudelmente il conto, senza lasciare possibilità di rimedio. A forza di rimandare è arrivato il momento in cui è troppo tardi.

Annunci
 
1 Commento

Pubblicato da su 28 gennaio 2013 in Al cinema, Film

 

Tag: , , ,

Una risposta a “La migliore offerta

  1. labambinacolpalloncino

    11 febbraio 2013 at 17:39

    Il film è piaciuto molto anche a me anche se non credo che si possa parlare di “sue” responsabilità se l’inganno è il frutto del modo in cui ha impostato la sua vita. Anche se avesse impostato la vita in maniera diversa (e sarebbe un altro film) gli “pseudoamici” avrebbero trovato un altro punto debole su cui tessere la tela. Comuque sia applausi per Tornatore!

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: