RSS

L’importanza di sentirsi nel mezzo

12 Dic

È un concetto difficile da spiegare, mi rendo conto, ma proprio per questo vale la pena di sforzarsi un po’ e provare a spenderci due parole.

Oggi, per via di impegni e traversie familiari, a fine giornata mi è presa questa sensazione (senshaccione da shogno, direbbe Crozza-Briatore).

Di sentirmi nel mezzo.

Vorrebbe dire che per una volta, nonostante uno si aspetti sempre il meglio o il peggio da una situazione, mi sono reso conto che le cose vanno un po’ come devono andare. Non sempre tutto va per il meglio, ma soprattutto non sempre tutto va per il peggio. Corollario: ogni tanto potrebbe anche succedermi qualcosa di inaspettatamente piacevole. Per me, che su certi argomenti tendo ad essere un inerte pessimista, non è poco.

Nel mezzo è una figata, tutte le possibilità sono aperte. Quello che desideri (sempre che tu sappia ciò che desideri) è equidistante da tutto il resto e perciò raggiungibile. Rimane il dubbio di decidere da che parte muoversi per arrivarci, ma il fatto che sia possibile arrivarci con uno sforzo pari a tutte le altre possibilità mi è di conforto.

La cosa bella di oggi: rivedere dopo 30 anni una ragazza che era con me alle elementari e sentirsi dire “Hai ancora la stessa voce!”

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 12 dicembre 2012 in La cosa bella di oggi, Riflessioni

 

Tag: , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: